“You” seconda stagione: su Netflix l’amore tossico raddoppia, l’intreccio è perfetto

A volte un uomo ottiene esattemente quello che desidera, e quello può essere il castigo più perfetto di tutti“.

C’era – ed erano in molti – chi l’attendeva. La seconda stagione di “You“, su Netflix, valeva tanta attesa perché se si parte sulla falsa riga della  prima ben appezzata stagione, il prosieguo è – tra

you3 ilmamilio

tanti alti e qualche inevitabile basso – una appassionante scoperta. C’è da considerare la questione chiusa? Signori miei, non scherziamo.

Intendiamoci: l’amore era e rest

a maledettamente malato, ma siamo al “quadro 2” di una malattia sempre più patologica. E che diventa infettiva.

Joe Goldberg (Penn Badgley) cerca di rifarsi una vita a Los Angeles per sfuggire a

you4 ilmamilio

l fantasma della sua Candace Stone (Ambyr Childers): fuga inutile e verrebbe da dire tossica se non fosse che la faccenda si complica maledettamente. Nel suo esilio californiano Joe, riciclatosi Will, trascina con sé la “gabbia” da biblioteca che tanta fortuna e tanti morti gli hanno portato nella stagione 1.

Ma è tutta una scoperta, perché Candace non molla ed anzi diventa – lei che ha seriamente rischiato di essere sepolta viva – stalker. Will Bettelheim, alter ego di Joe, intreccia umori e vita con Love Quinn (Victoria Pedretti) e la sua inquietante e iperpresente famiglia. Il fratello

you5 ilmamilio

Forty su tutti (James Scully).

Si parte, si diceva, su un refrain di quanto già con successo visto l’anno scorso: ma Joe è cambiato, mette in gabbia e poi a sorpresa libera il povero Will al quale ruba l’identità, si appassiona nel rapporto tra sorelle di Delilah Alves (Carmela Zumbado) e la 15enne Elly (Jenna Ortega, personaggio di notevole spessore) e si trascina nel tentativo di essere oggettivamente un uomo migliore. Degno di diventare padre.

Sembrava si potesse chiudere i battenti alla fine di una prima stagione tutto sommato da amore tossico, ed invece il bis è quasi meglio e senz’altro più malato di quanto si potesse credere.

Finisce qui? Non scherziamo. Il deci

mo ed ultimo episodio chiude cerchio – e fedina penale – quel tanto che basta, sbirciando da una staccionata, per aprire una terza stagione che è doveroso attendere sin da oggi. Perché ne vale la pena, niente da obiettare.

“YOU”, stagione 2, 2019, distribuzione Netflix

VOTO: 8,5/10