Il capolavoro di “Parasite”: commedia, thriller, dramma da 4 premi Oscar

Ledifferenze sociali in un modo mai visto. “Parasite” è un film co-scritto e diretto dal regista sudcoreano Bong Joon-ho, vincitore della Palma d’oro al 72º Festival di Cannes e di 4 Premi Oscar tra cui quello del miglior regista, della migliore sceneggiatura e miglior film diventando il primo film non il lingua inglese a aver vinto (non considerando i film muti), il prestigiosissimo premio.

L’autore narra la storia della famiglia Kim che, per la loro povertà, decide di trovare lavoro all’interno di una famiglia di ricchi trovando il modo di far licenziare i precedenti dipendenti.

La sceneggiatura è originalissima e con un comparto tecnico a dir poco stupefacente intrattiene, fa riflettere ma anche ridere. Un misto di thriller, commedia, drammaticità che ricorda molto il Neorealismo italiano ma che il regista rielabora e sviluppa mantenendo la tensione dall’inizio alla fine con una serie di colpi di scena gestiti in maniera intelligente. Tutto questo per narrare le differenze sociali all’interno della Corea del Sud ma in generale della nostra società emozionando e sorprendendo.

Bong Joon-ho si dimostra ancora una volta uno dei migliori registi viventi andando ad impreziosire una Corea del Sud che da ormai vent’anni è sicuramente una certezza per tutti gli amanti del buon cinema. Insomma quest’anno lo possiamo dire, l’Oscar più importante non poteva andare a film migliore.

Voto: 9,5