Sex Education: la serie Netflix che scardina i cliché arriva dagli UK.

Arriva direttamente dagli UK la serie Netflix del momento. Stiamo parlando di Sex Educationteen drama ma non troppo, che affronta il tema del sesso e dei sentimenti tra adolescenti alle prime armi, in maniera ironica ma anche molto realistica. Colpisce infatti quella schiettezza d’oltremanica che non teme giudizi nell’affrontare un argomento ancora piuttosto tabù nel Paese del Vaticano, come il sesso.

Tra i protagonisti non passa inosservata una Gilian Anderson cinquantenne, matura e ultrasexy, che abbandona le vesti della giovane detective acqua e sapone (in X-files, la ricordate?), per ricoprire con grande classe il ruolo di sessuologa e madre single di un adolescente, Otis, (Asa Butterfield) con il quale tenta la via del rapporto amicale tra genitore e figlio con non poche difficoltà, tra una seduta di psicoterapia e un incontro fugace e appassionato con il fortunato di turno.petra frascati 1809C’è poi Maeve (Emma Mackey) la ragazza bella, trasgressiva e con una famiglia problematica alle spalle che propone a Otis di far da terapeuta agli studenti della loro scuola e che passerà da migliore amica a “qualcosa di più”, forse… Con lei si parla di aborto. Tema insidioso nel Bel Paese, affrontato con nonchalance nei Paesi anglosassoni, ma lasciando trasparire una certa malinconia.

Non manca il tema dell’omosessualità. Eric (Ncuti Gatwa) migliore amico di Otis, nero e figlio di ultracattolici, esprime al meglio le difficoltà, le insicurezze e le paure di un giovane omosessuale in una società ancora radicata sul clichè della famiglia tradizionale e sul machismo diffuso.

Questi i protagonisti di Sex Education che tra mille avventure e sventure ci fanno ridere e commuovere durante le otto puntate della prima stagione. Il finale è ambiguo, secondo alcuni si può concludere qui, ma i più romantici attendono la seconda stagione con la speranza di vedere insieme Otis e Maeve.

Voto: 8/10

asa butterfield gillian anderson netflix ilmamilio